MALATTIA DI HUNTINGTON: VERSO UNA TERAPIA CELLULARE

La malattia di Huntington è un disturbo ereditario del sistema nervoso causato dal malfunzionamento del cromosoma 4 che porta al danneggiamento dei nervi della zona cerebrale 

La malattia di Huntington è un disturbo ereditario del sistema nervoso causato dal malfunzionamento del cromosoma 4 che porta al danneggiamento dei nervi della zona cerebrale provocando cambiamenti a livello fisico, mentale ed emotivo. I figli di pazienti affetti da questa malattia hanno il 50% di possibilità di svilupparla e per ora non esiste una cura.  Un team di ricercatori della facoltà di medicina dell’università di Plymouth ha appena ricevuto dei fondi per indagare sulle potenzialità della manipolazione a livello cellulare che potrebbe modificare i processi di autofagia e apoptosi. L’autofagia è il sistema che permette alle cellule di rispondere allo stress eliminando le “scorie” che si accumulano nelle cellule, permettendone così la sopravvivenza. L’apoptosi invece è la morte programmata delle cellule, anch’esso processo che garantisce la sopravvivenza del sistema. Quando le cellule sono danneggiate, da una malattia ad esempio, il corpo le uccide.  La proteina che regola questi due processi si chiama Bim e gli studi mostrano che i tessuti dei pazienti che soffrono della malattia di Huntington sono particolarmente sensibili ad essa. Questo significa che la manipolazione di questa proteina potrebbe portare ad una cura per la malattia basata sull’inibizione o l’accelerazione dell’autofagia o dell’apoptosi.

… CONTINUA 

Source: RaiNews.it

 

Print Friendly, PDF & Email
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi