Isis Pharmaceuticals lancia una storica sperimentazione clinica per silenziare il gene della malattia di Huntington.

Isis Pharmaceuticals, Inc., con sede a Carlsbad, in California, ha lanciato la sua tanto attesa sperimentazione clinica per testare un farmaco progettato per attaccare la Malattia di Huntington alle sue radici genetiche.

 

In un comunicato stampa del 21 luglio, Isis ha annunciato di aver avviato una “Fase I” riguardante  uno studio clinico umano dell’ISIS-HTTRx, il suo composto volto a diminuire i sintomi della Malattia di Huntington. HTTRx significa un medicinale per la MH. La malattia è causata da un difetto sia nel gene huntingtina che nella proteina huntingtina, che sono simboleggiati dalle lettere htt.

 

“ISIS- HTTRX è la prima terapia ad entrare nello sviluppo clinico progettata per bersagliare direttamente la causa della malattia, riducendo la produzione della proteina responsabile della MH” secondo quanto riferito nel comunicato.

 

In collaborazione con la Roche, il gigante farmaceutico con sede in Svizzera che condivide i costi della sperimentazione clinica tipicamente onerosa, Isis diventa così la prima entità ad utilizzare una tecnica di silenziamento genico nel tentativo di fermare la Malattia di Huntington.

 

“Nonostante la proteina tossica prodotta dal gene huntingtina (HTT) nei pazienti MH sia stato un obiettivo di interesse per molti anni, nessuna terapia ha fatto passi avanti verso la sperimentazione clinica per curare la causa fondamentale della malattia,” ha dichiarato Frank Bennett, ricercatore, vice presidente senior della ricerca di Isis. “La nostra tecnologia antisenso ci ha permesso di scoprire e sviluppare ISIS-HTTRx, il primo approccio terapeutico progettato per trattare la causa genetica della Malattia di Huntington”.

 

Una “significativa pietra miliare”

HTTRx è un oligonucleotide antisenso, un filamento artificiale di DNA creato da Isis per bloccare l’azione delle molecole di RNA che traducono il codice genetico huntingtina per produrre la proteina huntingtina.

 

Coinvolgendo circa 36 pazienti che si trovano nella fase iniziale della Malattia di Huntington in circa sei siti in Europa e in Canada, la Fase I della sperimentazione si concentra sulla sicurezza e la tollerabilità di HTTRx. Secondo un portavoce di Isis, i siti cominceranno a reclutare i partecipanti già tra poche settimane.

 

A seconda dell’andamento del reclutamento, la Fase I molto probabilmente si concluderà nel 2017. Se la Fase I sarà un successo, probabilmente nel 2018 avrà luogo un più ampio studio di “Fase II” per testarne l’efficacia. Una Fase II di successo potrebbe essere seguita da uno studio di “Fase III”. Tutte insieme le tre fasi di un programma di studi clinici in genere richiedono almeno cinque anni.

 

Lo scorso agosto, gli scienziati di Isis e CHDI Foundation, Inc., l’organizzazione biotecnologica virtuale no-profit che ha finanziato le prime fasi della ricerca Isis iniziata nel 2007, ha fornito ampi dettagli circa i piani per la sperimentazione.

 

“Lo sviluppo iniziale di questo farmaco antisenso per la Malattia di Huntington è derivato da una produttiva collaborazione di lunga data tra Isis e CHDI e il suo attuale avanzamento verso la sperimentazione clinica è la testimonianza della perseveranza e della competenza scientifica di Isis” ha dichiarato nel comunicato stampa Robi Blumenstein, presidente di CHDI. “È emozionante che candidati terapeutici radicati nella biologia della Malattia di Huntington si stiano finalmente facendo strada verso la sperimentazione clinica”.

 

“L’avvio dello studio ISIS-HTTRx è una pietra miliare significativa nella storia della ricerca della Malattia di Huntington poiché questa è la prima volta che un farmaco progettato specificamente per i malati di Huntington è passato  nella clinica,” ha scritto in una e-mail George Yohrling, ricercatore, direttore senior per la missione e gli affari scientifici per l’Huntington’s Disease Society of America (HDSA). “La mia speranza è che questo studio non solo dimostri che il farmaco è sicuro,  ma che serva come un faro informativo per tutte le future sperimentazioni di abbassamento dell’huntingtina”.

 

La dottoressa Martha Nance, direttrice del Centro di Eccellenza HDSA presso l‘Hennepin County Medical Center di Minneapolis e membro del comitato esecutivo dell’Huntington Study Group, ha affermato che “sarebbe impossibile sopravvalutare l’importanza di questo processo.”

 

“Sono abbastanza grande da essere cresciuta negli anni ‘60, travolta in quanto bambina dall’eccitazione per l’esplorazione dello spazio e, con la stessa chiarezza e rilevanza della missione Apollo 11 che ATTERRÒ sulla luna, io  ricordo la missione Apollo 8 nel periodo di Natale del 1968, durante la quale William Anders scattò la foto iconica del “Sorgere della Terra” sulla luna” ha scritto la dottoressa Nance in una e-mail. “Ci furono molti altri  passi, molte altre missioni Apollo, prima che Neil Armstrong potesse saltare dalla scala sulla luna. Lo studio ISIS è l’equivalente MH della missione Apollo 8”.

 

La dottoressa LaVonne Goodman, fondatrice di Huntington’s Disease Drug Works, ha affermato che ci sono ”grandi speranze e aspettative” circa la sperimentazione”. Onoriamo quegli individui con la Malattia di Huntington, che da eroi partecipano disinteressatamente a questa sperimentazione e tutti gli altri, “scegliendone simbolicamente uno per il team di ricerca”, ha scritto in un’e-mail.

 

“Siamo molto entusiasti del farmaco”, ha affermato il dottor Bennett in un’intervista del  2014.

 

Come egli stesso ha già affermato, la tecnologia Isis è come un “missile a guida laser” che prende di mira uno specifico messaggero RNA causa della malattia e lo distrugge o lo tira fuori dal corpo “in modo che non si produca quel RNA messaggero”

 

La collaborazione Isis-Roche

Secondo il comunicato stampa, con l’avvio della sperimentazione clinica, Isis – una piccola azienda – ha ricevuto un pagamento anticipato di 22 milioni di dollari. Fino ad oggi, Isis ha ottenuto dalla collaborazione 52 milioni di dollari tra pagamenti anticipati e pagamenti al raggiungimento dell’obiettivo. Si può guadagnare di più dal momento che il progetto avanza, come ad esempio delle royalties sulle vendite potenziali.

 

Roche può esercitare l’opzione di acquistare la licenza ISIS HTTRx da Isis per il completamento dello studio  Fase 1. Se questo avverrà, la Roche si assumerà la responsabilità per lo sviluppo globale, l’acquisizione delle approvazioni regolamentari e la commercializzazione del farmaco.

 

La collaborazione è fondamentale. Isis non può  permettersi di affrontare da sola una sperimentazione clinica. I farmaci di solito costano centinaia di milioni di dollari per essere realizzati.

 

Secondo il comunicato stampa, i progetti di Isis includono 38 farmaci volti al trattamento di una vasta gamma di malattie, tra cui malattie cardiovascolari, malattie metaboliche, cancro e malattie gravi e rare, tra cui patologie neurologiche come MH.

 

Un’immensa dose di speranza

L’annuncio del lancio della storica sperimentazione offre un’immensa dose di speranza alla comunità MH.

 

Dalla scoperta del gene huntingtina nel 1993, gli scienziati hanno pubblicato migliaia di articoli di ricerca sulla Malattia di Huntington e hanno individuato centinaia di potenziali “obiettivi” per i trattamenti.

 

Negli ultimi anni, gli scienziati e le aziende farmaceutiche hanno avviato un numero crescente di studi clinici nella ricerca di trattamenti validi.  Finora, tuttavia, nessuno si è rivelato efficace nel fermare la malattia.

 

Un salto necessario

Come si è visto negli studi sugli animali, l’infusione di HTTRx nel cervello ha portato alla scomparsa dei sintomi simili a quelli MH.

 

Gli scienziati informano che è un ulteriore enorme salto dagli animali agli esseri umani quando si tratta di testare i farmaci. Solo uno su dieci risultati delle sperimentazioni cliniche, inoltre, si trasforma in un farmaco che raggiunge il mercato.

 

All’inizio di quest’anno il dottore e ricercatore Bernhard Landwehrmeyer, esimio specialista in MH, ha avvertito che potrebbero volerci ancora decenni prima che  l’approccio del silenziamento genico svolga un ruolo efficace nella gestione della malattia.

 

“Dovremmo essere tutti estremamente emozionati e speranzosi, ma ricordate che c’è molto lavoro da svolgere per i ricercatori, i medici, i pazienti e le famiglie prima di riuscire a raggiungere la nostra luna, e non c’è nessuna garanzia di successo”, ha scritto la dottoressa Nance.

 

La sperimentazione Isis-Roche, tuttavia, è un passo importante. Come minimo, aiuterà a rispondere a domande chiave circa l’approccio al silenziamento genico

 

Se si riescono a migliorare i sintomi, potrebbe significare l’inizio della fine per la Malattia di Huntington in quanto minaccia per le decine di migliaia di famiglie colpite nel mondo.

Articolo Originale 

Fonte: At Risk for Huntington’s Disease

 

raffa_def