Potenziale Trattamento per la Malattia di Huntington, Risultato Efficace, Sicuro in Topi e Scimmie, Entra nella Sperimentazione Clinica

Un farmaco che sarebbe il primo a colpire direttamente la causa della Malattia di Huntington (MH), è efficace e sicuro quando viene testato in topi e scimmie, secondo i dati diffusi oggi che saranno presentati durante il 68° Meeting Annuale dell’American Academy of Neurology a Vancouver, dal 15 al 21 aprile 2016. Uno studio per testare il farmaco sugli esseri umani è iniziato.

La Malattia di Huntington è una rara patologia ereditaria che causa movimenti incontrollati, perdita delle capacità intellettive, problemi emotivi e infine la morte. La malattia è trasmessa da genitore a figlio attraverso una mutazione nel gene della huntingtina. La mutazione ha come conseguenza la produzione di una proteina huntingtina che causa la malattia. Ogni figlio ha il 50% di possibilità di ereditare la mutazione del gene. Chiunque erediti il gene mutato con il tempo svilupperà la malattia.

Il nuovo farmaco, chiamato  IONIS-HTTRx, è un medicinale antisenso che agisce come un “silenziatore genetico” per inibire la produzione di proteina huntingtina nelle persone affette dalla Malattia di Huntigton.

“È veramente esaltante avere la possibilità di un trattamento che potrebbe modificare il corso di questa malattia devastante”, ha affermato il principale ricercatore di questo studio, il dottor Blair R. Leavitt dell’Università della Colombia Britannica a Vancouver. “Al momento abbiamo solo trattamenti che agiscono sui sintomi della malattia”. Leavitt sottolinea che ci vorranno ancora degli anni prima che il farmaco venga usato nella pratica clinica umana.

Precedenti studi in modelli murini della Malattia di Huntington hanno dimostrato che il trattamento con i farmaci antisenso ritarda la progressione della malattia e sfocia in un inversione duratura del fenotipo della malattia. Nei topi YAC128, un modello transgenico della MH, i deficit motori miglioravano entro un mese dall’inizio del trattamento antisenso ed erano riportati alla normalità dopo due mesi dalla fine del trattamento. Le capacità motorie dei topi BACHD trattati con l’antisenso, un altro modello transgenico della MH, miglioravano otto settimane dopo l’inizio del trattamento e persistevano per almeno nove mesi dopo la fine del trattamento. Nelle scimmie, erano riscontrate riduzioni dose-dipendenti nell’HTTmRNA e nella proteina Htt attraverso il sistema nervoso centrale dopo la somministrazione intratecale di un farmaco antisenso. La riduzione dei livelli di huntingtina corticale del 50% era raggiunta rapidamente nelle scimmie e correlava con la riduzione dal 15% al 20% nel caudato. Nei test successivi nei roditori e nelle scimmie, veniva riscontrato che lo IONIS-HTTRx era ben tollerato senza effetti collaterali che limitassero la dose.

Il farmaco è ora in una fase 1/2a di studio clinico. Il farmaco è introdotto nel fluido cerebrospinale attraverso una iniezione intratecale nello spazio lombare, poiché i farmaci antisenso non attraversano la barriera ematica cerebrale. Nello studio clinico corrente, il farmaco è somministrato in quattro dosi a intervalli mensili. Differenti dosi del farmaco saranno esaminate circa la sicurezza e la tollerabilità. In aggiunta, la farmacocinetica del medicinale  sarà caratterizzata e saranno esaminati gli effetti del farmaco su specifici biomarcatori ed i risultati clinici.

Il farmaco è stato sviluppato dagli scienziati della  Ionis Pharmaceuticals in collaborazione con i loro partners CHDI Foundation, Roche Pharmaceuticals e collaboratori accademici dell’Università della California, a San Diego. Gli studi preclinici sono stati condotti dalla Ionis Pharmaceuticals. Lo studio clinico in corso è supportato da  Ionis Pharmaceuticals ed è parte della collaborazione di Ionis con Roche per sviluppare farmaci antisenso per trattare la Malattia di Huntington.

Scopri di più sulla Malattia di Huntington nel sito www.aan.com/patients.

Articolo Originale

raffa_def

Print Friendly, PDF & Email