Lettera a Papà

Papà, dobbiamo chiederti scusa: non abbiamo avuto il coraggio di scrivere sul tuo necrologio “Uomo di Rare Virtù”, come dicevi sempre con il sorriso pensando a quanti si sarebbero interrogati su quali fossero mai queste eccelse virtù mentre tu, con la tua solita umiltà ed ironia, aggiungevi rare in quanto poche, due o tre al massimo! Non era così e noi lo sappiamo bene, resterai nel cuore di tanti! Senza esagerare possiamo dire che tutti i presenti ti ricorderanno per le tue battute, la tua ironia, il tuo spirito goliardico, ma, solo alcuni, che insieme a noi hanno conosciuto in profondità la tua anima e ti hanno ammirato anche nella dignità con cui hai vissuto il declino ti ricorderanno come MAESTRO per affrontare la vita: un gradino per volta fino ad arrivare all’ultimo piolo, senza scorciatoie. Dicevi che le ali forti ce le avevi fatte e che dovevamo volare senza troppe scuse: ora ti dimostreremo che ne siamo capaci. Ci piace pensarti accolto dai tuoi amici di sempre Giovanni, Anna e Cecé con i giovani Domenico e Marco delle cui morti non ti eri mai capacitato. Sei e sarai sempre il nostro SOLE: nato sull’Adriatico e tramontato sul Tirreno, per cui anche quando qui sulla Terra non ti vedremo… sapremo che continuerai a splendere comunque!

Stefania e Manuela Zappata

 

Di seguito  il terzo numero del giornale AICH-Roma completamente dedicato al Dott. Paolo Zappata scomparso nel mese di agosto. Siamo certi che molti di voi, che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di apprezzarne la grande professionalità e umanità, avranno piacere a leggere le diverse testimonianze di amici e colleghi le quali non si discostano le une dalle altre. Il suo progetto di riabilitazione per i Malati di Huntington ha varcato i confini non solo di Trasacco ma anche
dell’Italia diventando un esempio da rapportare ai propri malati per molti Paesi europei. Questo significherà che il grande lavoro svolto dal Dott. Paolo Zappata non finirà mai come il ricordo della sua persona.

Wanda Danzi – Vice Presidente Aich Roma Onlus

LEGGI IL NOTIZIARIO DEDICATO AL DOTT. ZAPPATA file-pdf