Per il prossimo convegno di AICH-Roma, che si terrà il prossimo 9 giugno, ci sarà un intervento della Dott.ssa Silvia Romano sull’utilizzo delle terapie non convenzionali da parte dei malati di Huntington. Si
porterà a conoscenza delle famiglie l’analisi di questa ricerca che potrà essere fatta grazie ai questionari compilati da voi stessi e in forma anonima, rispondere tranquillamente a tutte le domande.

Il questionario è in forma anonima e non ci sarà per nessuno la possibilità di risalire ai vostri dati.

Le terapie non convenzionali (integratori alimentari, prodotti omeopatici, osteopatia, chiropratica) sono pratiche terapeutiche complementari o alternative alla medicina tradizionale che vengono utilizzate per migliorare lo stato di salute e il benessere psicofisico dell’individuo più che per trattare patologie specifiche per le quali non ci sono prove di efficacia.
Secondo una ricerca condotta in Italia dall’ISTAT, sono state 4 milioni 200 mila (corrispondenti al 7% della popolazione residente) le persone che nel 2013 vi hanno fatto ricorso. I trattamenti più diffusi sono risultati l’omeopatia (4,1%), i trattamenti manuali (3,4%), la fitoterapia (1,9 %) e l’agopuntura (1,0%).

Chi compila il questionario

Questo questionario ha lo scopo di conoscere il reale utilizzo della medicina non convenzionale da parte di persone in diversi modi coinvolte da una patologia neurologica quale la Malattia di Huntington.

Chiediamo di compilare questo questionario:

° ai pazienti affetti da Malattia di Huntington (pazienti)

°alle persone con test genetico positivo ma che non hanno ancora sviluppato la malattia (individui presintomatici)

° alle persone a rischio di sviluppare la malattia ma che non si sono sottoposte al test genetico (individui a rischio).

Possono compilare il questionario anche coloro che si prendono cura di un paziente con Malattia di Huntington (caregivers)

IL QUESTIONARIO E’ RIVOLTO A TUTTI ED E’ IN FORMA ANONIMA

COMPILA IL QUESTIONARIO CLICCANDO QUI

Print Friendly, PDF & Email
14 Condivisioni